Il demone dei “vaffa-no”. Titanio del Beigua e dintorni

Il demone dei "vaffa-no". Titanio del Beigua e dintorni

E’ probabile che sia uno sfregio inaccettabile estrarre il titanio sul gruppo del Beigua.

E’ probabilissimo che la decisione più saggia sia rispondere negativamente a questa possibilità.

Come d’altronde sono tutti futuribili e da valutare le risorse che pioverebbero sul territorio. A parlare di mezzo miliardo l’anno si fa in fretta, si spara grosso e poi si vedrà….Tuttavia ciò che da fastidio (quando ci liberiamo dalla demagogia che ha prodotto partiti che sono andati dal “vaffaday” al governo Draghi in 7 anni?) è dire no senza conoscere. Per prendere decisioni pubbliche è sempre opportuno conoscere gli aspetti, approfondirli., farseli spiegare e sentire più voci. E non è un reato farlo anche se il tema è controverso. Anzi a maggior ragione. Ad esempio, quello che da fastidio è la comparsa di tonnellate di amianto “preventivo”, immense nubi che ammorberebbero la Pianura padana ecc. ecc. quando fino a ieri semplicemente non esisteva.

Dall’altra parte, come posso immaginare la comparsa di impianti magari presentati come “bucolici” che sventrano montagne? Ripeto non lo so. Però prima di aprire bocca perché non stiamo a sentire più voci? Non fa mai male. Neanche al cervello. Sul Titanio come su altri temi….ben più concreti e reali.

1 Commento

  1. Peccato che chi prende decisioni pubbliche, come scrive lei, spesso non ne conosce gli aspetti e non approfondisce la questione. Spesso chi prende le decisioni preferisce non farsi spiegare gli aspetti (e le conseguenze delle decisioni). Spesso non vuole sentire più voci se non quella del mero consenso elettorale. Insomma è più opportuno che chi prende determinate decisioni poi possa dire “non sapevo … non pensavo … non credevo … “. Gli effetti però ricadono su tutti.

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*