KM 28.762 metri LO STRANO DESTINO DI VARAZZE

27 Ottobre 2022 Editore 0

KM 28.762 metri LO STRANO DESTINO DI VARAZZE

Città strana Varazze. Troppo lontana da essere parte integrata della piattaforma economica “Genova” e troppo defilata per essere parte integrante della provincia di Savona che da sempre è decentrata verso ponente. Le rimaneva potenzialmente la possibilità di essere una sorta di capoluogo della “terra di nessuno” che poi “di nessuno” non era essendo un comprensorio di ben oltre 50.000 residenti compresi tra Savona e Genova. Ma quest’ambizione non è mai davvero decollata per molti motivi.

Se negli anni ’70 e ’80 in qualche modo era punto di riferimento tra i due capoluoghi, con il passare degli anni la città si è rinchiusa progressivamente in sé stessa, auto riducendosi lo spazio di azione ad una presenza – per altro sempre più ridotta – nel turismo del ponente ligure. Cancellate le industrie, il turismo di accoglienza (al netto business seconde case degli ultimi 15 anni) ci ha ridotto a pesare turisticamente parlando la metà di Pietra Ligure o un quarto di Alassio.

Punto fisso dei treni a lunga percorrenza, oggi e punto fisso dei soli treni locali con pochissime eccezioni, parificata a tutte le altre stazioni minori. La viabilità è quella di 70 anni fa con le strade statali verso l’interno sostanzialmente abbandonate. Nessun ufficio periferico tranne un distaccamento dei VV.FF che da 20 anni è in procinto di essere attivato.

A dire la verità di comprensoriale una cosa c’è stata ed è stata la discarica, il grande “buco nero” amministrativo della città degli ultimi 30 anni e i cui attori ancora oggi ritengono di essere importanti stakeholder della città. Per la Sanità la città ha rinunciato recentemente (non si è mai capita di chi sia stata la decisione) a qualunque ragionevole richiesta di ospitare almeno un ospedale di Comunità ed è sostanzialmente abbandonata ai servizi di trasporto di emergenza. In estate oltre 50.000 persone dipendono sostanzialmente e quasi esclusivamente dalle ambulanze.

Una macchina comunale, nonostante la grande volontà di alcun soggetti che danno l’anima, assolutamente vetusta e arretrata e la difficoltà ad “attirare” personale in mobilità da altre Amministrazioni parlano piuttosto chiaro. Un calo demografico ancora più marcato, se possibile ma lo è, dei Comuni analoghi. Insomma una città che al di là degli scintillii e le effervescenza immobiliari, e di qualche evento estivo, fatica tremendamente a ritrovarsi o a definire una direzione e una identità.

Il rischio è di perpetrare una “non città”, priva di ogni anima culturale, sociale e morale: un semplice agglomerato di dimoranti magari part time, che verosimilmente dimenticheranno in fretta anche il nome di Santa Caterina o dei cantieri Baglietto (già svenduti) se mai fosse un problema.

Lo spazio della dignità (per tutti)

26 Agosto 2022 Editore 0

Lo spazio della dignità (per tutti). E’ solo un passaggio per il mare. Però tenerlo pulito, vista l’esiguità degli spazi per chi non desidera avvalersi degli stabilimenti privati, pare doveroso.

20 milioni per la Cultura ad Andora

29 Giugno 2022 Editore 2

Chi ha viaggiato in direzione Sanremo sulla A10 lo ha visto. E’ quel castello che si vede sulla sinistra prima di uscire al casello di Andora. Non molto più che un rispettabile bel rudere. Eppure sono arrivati ben 20 milioni di euro con fondi PNRR per non solo restaurarlo, ma anche rendere l’intera zona un polo di attrazione culturale e turistica.

IMPARARE DAI FATTI: le città vicino a noi che si sviluppano.

18 Marzo 2022 Editore 0

Imparare dai fatti: le città vicino a noi che si sviluppano. Sembra incredibile mentre Varazze perde abitanti (quelli veri), invecchia e appunta tutti i servizi per la “temporary economy” come su questo blog l’abbiamo chiamata ovvero “sex and rock n roll” che dalle nostre parti si potrebbe chiamare “foca(ccia), bagno e aperitivo”